Pallanuoto&Cultura: i giovanissimi della Campolongo Hospital Rari Nantes Salerno alla scoperta del duomo di Salerno

pallanuoto&culturaPallanuoto&Cultura. La Campolongo Hospital Rari Nantes Salerno continua con la formazione dei suoi giovani atleti non solo dal punto di vista sportivo, ma anche sociale e culturale. Accanto alle iniziative di carattere sociale, tra le quali il sostegno all’Aibi Amici dei Bambini, e “Uno slogan contro il razzismo”, proseguono le visite guidate nel centro storico di Salerno, alla scoperta dei valori, delle tradizioni e delle bellezze artistiche e monumentali della nostra città. Dopo la passeggiata culturale di giugno, nel corso della quale i giovani atleti sono andati alla scoperta della parte alta del centro storico, martedì è toccato alla Cattedrale di San Matteo, il monumento per eccellenza della città. Guidati dal giornalista e scrittore Rocco Papa, e accompagnati dai tecnici Crispino Liguori e Carmelita Lamberti e dagli accompagnatori Tino Pierno e Giuliano Di Donato, gli atleti delle formazioni under 13, 11 e 9, hanno potuto ammirare le meraviglie del duomo e della bellissima cripta, conoscere le figure di San Matteo, Roberto il Guiscardo e Gregorio VII, e ascoltare le storie e le leggende che si tramandano da secoli sulla costruzione e sul ritrovamento delle reliquie del Santo Patrono.

“Una passeggiata che non ha scopo didattico – spiega Rocco Papa, addetto alla comunicazione della Rari Nantes – ma narrativo ed emozionale. Il nostro fine è quello di far attaccare e far amare ai ragazzi la propria terra e la propria città, e questo si ottiene solo se si conosce la storia di questi luoghi e dei personaggi che l’hanno vissuta”.

In cantiere ci sono altre iniziative e altre escursioni alla scoperta della nostra storia, perché la Rari Nantes punta a formare ottimi atleti, ma anche ottimi cittadini, consapevoli e innamorati dei colori giallorossi e della propria identità.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.